Un po' di storia del nostro calendario 2002
 

Come molti di voi ricorderanno, l'anno scorso con spirito da molti definito goliardico (che per noi è un complimento) ci siamo lanciati nella realizzazione di un calendario per il web che ritraeva noi e gli amici di Procidamix in costume adamitico con qualche accessorio per rendere la cosa più pudica.

Quest'anno abbiamo voluto strafare e, forti del successo dell'edizione 2001 per il web, ci siamo buttati nell'avventura di un calendario stampato.

Qual'è il problema? direte voi.

Ebbene di problemi ce n'è stato più di uno anche perchè c'eravamo messi in testa di fare le cose per bene.
Innanzitutto abbiamo dovuto faticare non poco per trovare le modelle dopo lo scandalo montato l'hanno scorso da un novello Savonarola, che s'è messo a tuonare e lanciare anatemi contro alcune delle nostre modelle. (La cosa si commenta da sola vista la nomea del lapidatore in questione!)

Poi abbiamo dovuto fare i conti con le finanze visto che in tipografia hanno la cattiva abitudine di farsi pagare!
C'è stato quindi bisogno di reperire un bel numero di sponsors (con l'aiuto di Mariagrazia Cioffi) per finanziare l'operazione.

Il tema poi era molto ambizioso: Paesaggi femminili.
Questo tema pressuponeva la disponibilità delle modelle a farsi ritrarre completamente senza veli.
E' chiaro a questo punto che i volti non ci sono per una precisa scelta interpretativa ma è anche vero che, cogliendo la palla al balzo e di comune accordo con le interessate, abbiamo deciso di mantenere il completo anonimato sulle persone ritratte a riprova anche del fatto che ciò che spingeva queste nostre compaesane a farsi ritrarre non era smania di protagonismo come sosteneva il piccolo savonarola di cui sopra!
Per giunta un po di mistero non guasta mai!

Ed eccoci in tipografia a chiedere un preventivo al nostro amico Ciro.
Dopo un po di trattative ci accordiamo sul formato (24*66) e sulla tiratura (1600 copie)

 
     
Una volta elaborato il progetto, ci incontriamo con Enzo (il fotolitista, il capellone al centro) e i due computermen Dario e Enzo Junior  
     
Qui siamo alla fase di stampa con i due tecnici addetti alla macchina già in piena attività.  
     
L'attrice principale: una macchina da stampa tedesca a sei colori (è blu perchè costa una cifra blù) quello che non posso farvi sentire e lo sferragliare della macchina in questione e sopratutto l'odore di inchiostro e carta che riempie il locale!  
     
Peppe, titolare insieme al fratello Ciro della tipografia, che sembra molto divertito dalla nostra avventura.  
     

Lla faccia soddisfatta di Enzo (in questa tipografia si chiamano tutti Enzo) ci fa pensare che è contento del lavoro che ha fatto.
A dire il vero siamo contenti anche noi!

 
     

L'epilogo della storia:
I nostri calendari su due pallets (pesavano un'accidente!) vengono trasportati fuori e caricati

 
     
sul furgone che ci ha messo gentilmente a disposizione l' amico Gianni Fiumicelli visto che il nostro di furgone ha dato forfait